Fondazione Prada – Milano

Nella sua città natale, Milano, la Fondazione Prada ha appena aperto un vasto “campus” per l’arte sul sito di una vecchia distilleria nei pressi di una linea ferroviaria. L’ho visto il giorno prima, e senza fiato nelle sue dimensioni, la sua ambizione, la sua grave minimalismo industriale (area giochi anche per i bambini è di colore grigio e bianco). A 19.000 metri quadrati, la sua collezione di spazi espositivi – uno è alto più piani e chiamato Haunted House, un altro è una grotta nel sottosuolo – è il doppio del nuovo museo di Renzo Piano Whitney di New York, e almeno tre volte più elegante . Progettato dall’architetto olandese Rem Koolhaas, e riempito per lo più con il lavoro della collezione permanente della Fondazione Prada, che è stata accolta con un certo entusiasmo dalla critica, e con un po ‘di gratitudine dai milanesi, che senza dubbio continuerà a fare buon uso di il suo caffè retro – un 50s fantasia in vinile verde progettato dal regista Wes Anderson – indipendentemente dal fatto che alla fine cadono per il fascino di Lost Love di Damien Hirst (la sedia di un ginecologo in un grande acquario che l’artista ha fatto nel 2000) o di Nathalie Djurberg The patate (una fibra di vetro tuber walk-in completo con gli occhi violacei che risale al 2008) .http://www.theguardian.com/fashion/2015/may/17/miuccia-prada-i-hate-the-idea-of-being-a-collector