John Giorno’s Poem

L’influenza di John Giorno Giorno come poeta deriva dalla natura espansiva e multidisciplinare del suo lavoro. Dal suo studio sul Bowery, dove ha vissuto e lavorato per oltre cinquant’anni, la pratica di Giorno è cresciuta oltre la poesia per comprendere film, pittura, installazione sonora e molto altro. Ha iniziato a mettere in scena eventi multimediali insieme a Exploding Plastic Inevitable di Andy Warhol negli anni ’60, quando ha anche lavorato con Experiments in Art and Technology (E.A.T) di Robert Rauschenberg (E.A.T) (1966) e con Bob Moog (1967-68).

Pioniere iniziale di progetti di parole parlate registrate, nel 1965 fondò il non profit Giorno Poetry Systems, che ha prodotto album con centinaia di artisti e poeti. Giorno è meglio conosciuto per il suo lavoro telefonico interattivo “Dial-A-Poem”, presentato per la prima volta nel 1968, che invitava le persone a chiamare una linea dedicata per ascoltare poesie da registrazioni dal vivo di Laurie Anderson, John Ashbery, Frank O’Hara e numerosi altri. Incluso nella mostra “Informazioni” dello spartiacque di Kynaston McShine al Museum of Modern Art nel 1970, “Dial-A-Poem” è passato a diverse successive influenti iterazioni sia nel mondo analogico che in quello digitale.